Recensione NiceHCK M6

Prezzo: 100€ circa

Dove acquistarle: https://it.aliexpress.com/item/NICEHCK-M6-In-Trasduttore-Auricolare-Dell-orecchio-4BA-2DD-Ibrido-6-Unit-HIFI-Metallo-del-Trasduttore/32955034092.html

Specifiche tecniche:

  • Risposta in frequenza: 20-40k Hz

  • Impedenza: 17 Ohm

  • Sensibilità: ca. 106 dB/mW

  • Driver: 4 armature bilanciate + 1 driver dinamico (non 2, come dichiarato, ma uno formato da due diaframmi, per spiegarlo alla buona)

nicehck m6 fr.jpg

È la prima volta che mi capita di provare un paio di cuffie “gemello” ad un altro già provato. Queste M6 di NiceHCK sono, infatti, simili in tutto e per tutto alle DMG di BGVP, recensite qui poco tempo fa. In questa recensione richiamerò più volte alcuni punti dell’altra. Avverto subito che, a differenza di quanto riportato sul sito, il cavo non ha il microfono e non sembra esserci un’opzione per averlo. Ma se contattate Jim, magari ve le spedisce con formula “personalizzata” con un cavo che più si addice ai vostri bisogni.

Ringrazio Jim di NiceHCK per la cortesia e per il set in prova “sotto cauzione”. Potete trovare questa recensione anche in lingua inglese sul mio profilo Head-fi, a questo indirizzo: https://www.head-fi.org/showcase/nicehck-m6.23430/reviews#review-21516

Unboxing e prime impressioni

La scatola in cartone marchiata NiceHCK contiene un solido astuccio rigido, al cui interno ci sono tutti gli accessori del caso. Anche l’astuccio è brandizzato, ed è l’unica cosa per cui differisce da quello delle YinYoo V2; questo mi fa pensare che siano prodotte nella stessa fabbrica. Gli accessori sono: un buon numero di gommini di varie dimensioni e colori, un paio di tips in memory foam, una clip, i filtrini per il tuning e il cavo, che arriva già attaccato agli auricolari. A proposito dei filtrini, specifico già che vale lo stesso discorso delle DMG: per me non sono il motivo per cui dovete rivolgervi a un paio di cuffie del genere, perché le differenze tra l’uno e l’altro sono minime e probabilmente impercettibili per la maggior parte degli uditi. Tra l’altro, pare che siano esattamente gli stessi in dotazione con le “sorelle”. In generale, la dotazione è la medesima tra le due, ma l’aggiunta dell’astuccio rigido per contenere le M6 è un vantaggio non indifferente.

La prima impressione che ho avuto è che il cavo non fosse di buona qualità. Mi sono ricreduto: il colore trae in inganno, ma anche in questo caso siamo davanti ad un cavo “fratello” di quello di più gradevole colore argento in dotazione con le DMG, che non è eccelso ma fa il suo lavoro in modo più che discreto. Se devo essere preciso, quello delle BGVP è effettivamente leggermente superiore in quanto ha gli inserti metallici, mentre quello delle M6 li ha in plastica; ma dal punto di vista sonoro, come vedremo più avanti nella recensione, non ci sono differenze. Le cuffie ricordano immediatamente le DMG, tranne che per un dettaglio sul fronte che le differenzia – in teoria anche in modo sostanziale, in quanto le M6 dovrebbero avere un’apertura per il passaggio dell’aria in più rispetto alle DMG. Questo – sempre in teoria – si tradurrebbe in un maggior potenziale d’azione del driver dinamico (attenzione: è uno, non sono due come pubblicizzato). A conti fatti, anche qui non ho udito differenza alcuna. Sarà per questo motivo che nelle DMG questa apertura era prevista, ma è stata poi evitata in fase di assemblaggio? Tutto è possibile. Spero mi sia permesso di dire che, viste le palesi somiglianze tra le due, le M6 sono quasi un “dupe” delle DMG. La vestibilità è identica: l’esperienza è la medesima, ottima, tra le due, permettendo un comfort di livello anche per lunghe sessioni d’ascolto. I gommini più confortevoli per me sono stati quelli piccoli, mentre quelli più isolanti quelli in foam, che al solito consiglio per sessioni più lunghe in quanto più scomodi e macchinosi da infilare. Il cavo ha gli archetti in memory pre-formati, che funzionano bene. Personalmente, apprezzo queste soluzioni tanto quanto il non averli, l’importante è che non abbiano il fil di ferro all’interno per mantenere la forma – KZ, sto parlando dei tuoi cavi.

Suono

Chiarisco subito: se avete letto la recensione delle BGVP DMG, potete anche saltare questa parte. Il suono è lo stesso, la cuffia è la stessa. E con questo voglio dire che è un suono davvero credibile: caldo, neutro nella distribuzione delle frequenze, leggermente U-shaped. Forse l’unica differenza che colgo tra le due – ma potrebbe essere placebo – è che le M6 sono leggermente meno sibilanti delle DMG, cosa che avevo effettivamente evidenziato tra i “contro” di quegli auricolari. Faccio un passo indietro. Le mie sorgenti sono state: FiiO M7, Dodocool DA106, Focusrite 2i2 da MacBook Pro 2012. I file audio vanno – in ordine decrescente – da DSD (Pink Floyd) a FLAC 24/92 (Queen, Jack Garratt) a FLAC 16/44 (Bon Iver, Greta Van Fleet, Jacob Collier, …) ad ALAC (Sia) a MP3 320 (Jamie Cullum, Niccolò Fabi, Everything Everything).

Devo fare una premessa: in questo stesso periodo sto provando le ADVANCED M4, prodotto piuttosto famoso, finanziato su Kicstarter un paio di anni fa. Dopo aver provato quelle, che hanno un suono davvero flat e un palcoscenico gigantesco, quelle caratteristiche vengono inevitabilmente relativizzate negli altri prodotti. Dunque, in assoluto queste M6 hanno un palcoscenico discretamente ampio, ma decisamente meno avvolgente se messo in relazione a quello riprodotto dalle M4 di ADV. E lo stesso vale per la risposta in frequenza: il bilanciamento è ottimo, non si ha alcuna sensazione di enfasi nelle frequenze basse né di eccessiva brillantezza negli alti o arretratezza nei medi; ciononostante, facendo lo stesso confronto, il suono risulta più colorato. Più caldo, più rilassato. Non per forza dei difetti, e comunque dipende sempre dall’uso che ne fate. Certamente mi viene da pensare alle M4 come ad un prodotto perfetto per la produzione musicale, mentre alle M6 come ad un prodotto più indicato per l’ascolto di musica o i live stage – visto anche come vestono. Perché faccio un confronto con un prodotto così diverso sia come pubblico che come prezzo (2-3 volte inferiore! Le ADV M4 costano 50€)? Perché confrontarle con le DMG sarebbe aria fritta, detta nel modo più sincero possibile. Vi farà ridere, ma il mio consiglio è di scegliere tra le due in base al colore che preferite, dal momento che in mano e alle orecchie l’esperienza acustica è la medesima. Le M6 hanno un interessante colorazione smeraldo che non si trova nelle DMG – che ci sono invece in rosso e in blu. Io, coerentemente col titolo di questo sito, le ho prese entrambe nere (o quasi).

In ogni caso, visto che mi trovo a divagare, torno sul suono; alla fine, è la parte più importante. L’estensione in gamma bassa c’è ed è solida e credibile. Non è enfatizzata (il rischio è che vengano pompate le frequenze che si avvicinano ai medi), ma risponde alle richieste senza incertezze. I medi sono ben gestiti, senza particolari vuoti tipici dei prodotti più consumer-oriented. Anzi, gli strumenti sono sempre ben separati e le voci hanno sempre gli spazi che richiedono. Gli alti sono meno convincenti, per il suono leggermente sibilante che può dare fastidio, soprattutto se la musica è cantata in quelle lingue che di “S” e “T” ne hanno tante. Come l’italiano. Ma non hanno dei cali, come succede talvolta, o dei picchi: il punto è proprio che sono discretamente piatti, ma l’orecchio tende a sentirli ad un volume più alto rispetto alle frequenze delle gamme inferiori. Con questo voglio dire solo che sto cercando il pelo nell’uovo in un suono che, per me ed il mio gusto, è stato convincente al 99%. Non capita quasi mai di avere così poche incertezze (per un prodotto) né di essere così soddisfatto (per me), per cui non vi fate spaventare da queste critiche, perché con tutta probabilità molti di voi sono abituati a cuffie molto più sibilanti e sbilanciate, senza rendersi conto che lo siano. E queste sono senza ombra di dubbio una delle migliori scelte sui 100€, tanto quanto lo sono le sorelle.

Conclusioni

Visto che di confronti ne ho già messi in mezzo alla recensione, e altri tre li ho messi nella recensione delle DMG (qui) – valgono anche per queste -, passo direttamente alle conclusioni. Se avete voglia di affacciarvi al panorama dell’alta fedeltà senza spendere un capitale, prendete in considerazione questo prodotto. Fatelo seriamente: è vero che la concorrenza è agguerrita, ma spesso non ha tanti assi nella manica come queste M6 di NiceHCK. Se pensate all’ottima dotazione che ricevete e al non banale astuccio rigido per il trasporto, la qualità (e la quantità di accessori) di questo paio di monitor, in relazione al prezzo, è difficile da battere.

Pro

  • Design modulare (cavo, filtrini)

  • Suono

  • Ottima dotazione (astuccio; tantissimi gommini, anche in foam)

Contro

  • Troppo simili alle DMG

  • Il cavo potrebbe essere migliore

  • Leggermente sibilanti

Recensione KZ ZS3

Oggi parliamo di IEM, ossia Monitor Intrauricolari, specificamente degli entry level di Knowledge Zenith. Più conosciuto come KZ, questo brand vanta un catalogo in continuo aggiornamento di auricolari, sempre più raffinati nel design e nelle prestazioni, ma dall’elevatissimo rapporto qualità-prezzo. Questo modello in particolare, che è forse il più economico di tutti, ha un prezzo di circa 15 Euro su Amazon, mentre di import ne costa meno di una decina: davvero interessante.

P1010655.JPG

Vestibilità

Come si indossano? Non benissimo. Dal momento che la miniaturizzazione costa, in questa fascia (ultra)economica le dimensioni sono piuttosto importanti. Questo significa che, nonostante la forma degli auricolari ricalchi perfettamente il negativo di un padiglione… quel padiglione non è sicuramente il mio. Con un po’ di pratica i gommini isolano perfettamente (oserei dire anche troppo) ma la tendenza a scivolare è eccessiva. Probabilmente la plastica lucida di cui sono fatti questi monitor non aiuta in questo senso. Per non parlare del fatto che dopo una mezz’ora cominciano già ad affaticare parecchio, sebbene le forme siano tutt’altro che squadrate; è proprio la dimensione ad essere fuori scala – soggettivamente parlando.

P1010657.JPG

Qualità costruttiva

La costruzione è comunque ottima: la qualità della plastica è molto elevata e le scritte in corsivo che indicano destro e sinistro danno un tocco di personalità. Ho apprezzato meno il cavo: è vero che ha il jack ad L – un punto su cui rompo sempre le scatole – ma è un filo completamente gommato, per cui si aggroviglia che è un piacere. Inoltre, se il fatto che abbia un microfono e un tasto per rispondere alle chiamate siano dei fattori per molti positivi, non si può dire lo stesso della qualità di questo microfono, che rende la voce metallica e lontana. Sicuramente, non aggiungendo i controlli del volume, hanno evitato la rogna della compatibilità iOs/Android: furbi. In ogni caso, un grande pregio di questi auricolari è il fatto che si possano staccare dal filo e montare su un altro: la stessa KZ fornisce dei cavi qualitativamente migliori e addirittura Bluetooth, ma essendo lo standard “2 pin” (da 0,75 mm) adottato da una grandissima fetta di produttori, non si faticheranno a trovare cavi in argento, bilanciati, ecc.. Si può ben capire come la modularità sia quindi un importante punto a favore di questo prodotto.

P1010771.JPG


Suono

Piccola parentesi: questa recensione ha un po’ di tempo alle spalle. La pubblico solo ora per questioni di organizzazione del sito e perché ho delle scadenze molto più urgenti. Questo per dire che non ho provato inizialmente queste ZS3 con il FiiO M7 come sorgente, come le ultime recensioni pubblicate, e quindi il tutto va ponderato anche a strumenti meno specifici, quali il mio vecchio Letv 1S e l’uscita diretta del mio MacBook Pro. Da allora ho più cura per il dettaglio e anche negli strumenti che utilizzo.

Come suonano? Così così. Come accade per altri produttori, spesso quando mancano le risorse per fornire una qualità elevata, si ricorre a trucchetti, tra cui pompare i bassi per dare l’illusione di avere un buon prodotto tra le mani. Alcuni marchi rendono volontariamente la firma sonora incentrata sulle basse frequenze, e questo è purtroppo uno di quei casi. Qui i bassi fanno quasi paura, devo dire anzi essere anche pregevoli (veloci e incisivi), ma gli alti sono pessimi. Pessimi non solo perché raggiungono una pressione insufficiente e quindi il volume risulta basso, ma anche perché talvolta gracchiano come se non reggessero gli sforzi. Oltretutto i sibili sono troppo presenti, ma questo è un fattore ovviabile con un cavo aftermarket; ad esempio, il TRN a 8 core è famoso proprio per questo motivo. Dunque, a seconda del genere che ascoltate, potreste amarle o talvolta pensare che abbiano qualcosa che non va; tendenzialmente non ho avuto mai un’impressione negativamente estrema, semplicemente le ho trovate un po’ limitate. E ci mancherebbe, visto il prezzo.

Riassumendo, sono cuffie per chi ama i bassi pompati (si sentono quasi esclusivamente quelli) e hanno delle criticità con le voci nelle alte frequenze, che sono sibilanti. I medi sono arretrati ma qualitativamente migliori degli alti, e le voci maschili sono comunque sufficientemente udibili e definite. Ho letto e sentito di persone che ritengono queste cuffie bilanciate: non lo sono. Sono ampiamente a V nella risposta in frequenza e sbilanciate in gamma bassa, ma questo per certi versi rende il tutto di più facile ascolto, per molti. Io ho trovato questo basso talmente esagerato da disturbare la chiarezza e il dettaglio di altre frequenze. Non è la mia firma sonora preferita, per certo. Ma per alcuni sono sicuro che possa andare più che bene. Ritengo infine che il cavo in dotazione soffra di una leggera microfonicità - nulla di esagerato - e si sentano talvolta, soprattutto in silenzio, un po’ di rumori di fondo. In merito a questo, c’è una live di Jeff Buckley (Live at Sin-é) in cui la registrazione risente fortemente di disturbi dovuti a interferenze tra amplificatori e microfoni - presumo. Con queste KZ (ma anche le ES4, ma anche le 1MORE Piston) è davvero udibile e fastidioso questo sottofondo sporco. Confronto assolutamente scorretto, ma con le Unique Melody Mason V3 (2700$ di monitor) questo non è stato un problema. Strano: era un’interferenza che fa parte della registrazione, eppure era molto, molto attutita in quel caso. Secondo me è una questione di driver: le armature bilanciate, soprattutto se di livello, hanno anche questo pregio di attutire i disturbi. Con le ZS3, che hanno un solo driver dinamico, non c’era modo di evitarli.

P1010782.JPG

 

Unboxing

Considerando il prezzo bisogna dire che l’imballaggio è curato e piacevole, essenziale ma completo. Le istruzioni, sebbene in un inglese abbastanza fantasioso, sono utili, perché forniscono una basica guida al rodaggio – che si creda o meno al burn-in, visto che male non fa, perché non farlo? Nella confezione ci sono cavo, auricolari e gommini di ricambio; nulla più e nulla meno. Volendo, KZ produce (o meglio, si fa produrre) i classici contenitori rigidi da monitor per dare una parvenza di professionalità ai suoi prodotti – sottolineo che spesso e volentieri sono prodotti quasi professionali, ma non posso sostenerlo di questi in particolare. Io ho uno di questi contenitori, esattamente identico a quelli venduti da KZ ma senza l’adesivo del brand (ma c’è lo spazio vuoto, cosa simpatica).

P1010773.JPG

Conclusioni

Se dicessi che consiglio ad occhi chiusi questo prodotto non sarei onesto. Non credo valga la spesa (non a prezzo pieno, almeno). Ma devo dire che grazie a questi auricolari ho scoperto un brand in continua evoluzione, che fornisce auricolari per tutte le tasche, dal design sempre più raffinato e di carattere, di cui presto proverò anche altri modelli. Dunque, forse questi ZS3 non sono dei monitor da prendere in considerazione, ma sono un assaggio di un brand in ascesa e fanno intravedere un grosso potenziale. A detta di molti, gli ultimi modelli hanno risolto diverse criticità - come il sibilo nelle voci femminili – che in KZ si portavano avanti da diverso tempo. Perciò vi rimando alle future recensioni e metto il link per l’acquisto, nel caso in cui vogliate comunque affidarvi a questo prodotto. Il mio consiglio, se lo fate, è di munirvi di un cavo migliore e magari anche di un paio di tips in memory foam. Probabilmente, se questo che ho appena consigliato fosse stato il kit di serie, queste cuffie avrebbero avuto una marcia in più. Ma siamo sulla fascia ultra-economica e ci sono questi ovvi compromessi da accettare. Tra qualche tempo uscirà la recensione delle ES4 e più avanti delle ZS4, le vere eredi di queste ZS3. Vi dò giusto un assaggio delle ES4: si sente la volontà di bilanciare le frequenze, ma il risultato non è ottimale. Queste ZS3 sono più facili da ascoltare, più incisive nel suono e più comode da indossare.

Comprale su:

Amazon

Gearbest

Recensione QianYun Qian39

È buffo come la maggior parte delle persone, pensando a degli auricolari “normali”, pensi a quelli piatti: gli “earbuds”, “quelli senza gommini”, “quelli come le earpods”. È buffo perché la stragrande maggioranza degli auricolari in commercio sono invece di tipo intrauricolare. Credo che quindi l’idea di “normale” derivi da due fattori: la comodità e l’affetto. Comodità in senso fisico, ovvero vestibilità, ma anche perché tutti i possessori di iPhone o Huawei avranno già in dotazione una cuffia earbud. Affetto perché effettivamente, ai tempi dei vecchi Nokia, questo tipo di cuffiette era il più diffuso e fornito con i telefonini.

Questi Qian39 sono proprio auricolari di questo genere; spero dunque di fare cosa gradita a molti, recensendoli.

Ringrazio QianYun Italia per avermi fornito questo sample in cambio di una recensione onesta e disinteressata.

P1010767.JPG

 

Unboxing e prime impressioni

Rimarrete stupiti a trovarvi davanti a un unboxing così curato dopo aver speso poco più di una decina di euro per questo prodotto. La scatola è infatti metallica e contiene al suo interno gli auricolari e due schiume per ricoprirli. L’essenziale, ma così ben presentato da essere adatto anche ad un regalo.

Gli auricolari in sé, lo dico subito, non danno alcuna sensazione pregiata. Sono interamente in plastica, con cavo gommato, ma hanno dalla loro parte dei punti di forza: il jack è placcato in oro ed è a forma di L; inoltre, nella zona del cavo in cui i due canali si separano, i due fili sono incollati fino a un’altezza molto elevata, evitando così diversi ingarbugliamenti involontari.

Sono molto leggeri e decisamente comodi: appena indossati non si sentiranno più. Strano a dirsi, isolano piuttosto bene, pur avendo delle aperture sul retro (necessarie al corretto funzionamento del driver).

Riassumendo: hanno chiaramente puntato tutto sulla qualità del suono e nulla sul lato estetico; ma sono comode, molto comode. Un piccolo fatto divertente è che molti, per ovviare alle pecche estetiche, sostituiscano il cavo di queste cuffie risaldandole su un cavo più pregiato. Questo per dire anche che la qualità audio è molto elevata. Ovviamente non è una procedura per tutti – né qualcosa che farei io, onestamente.

P1010764.JPG

 

Suono

Al solito, i test sono stati eseguiti con FiiO M7 (la cui recensione è reperibile qui).

Inizio col dire che non ci sono state “cose molto cattive” per quanto riguarda il suono. Non è male con prodotti così economici un risultato del genere. In questo caso, anzi, ci sono state cose decisamente buone e solo qualche criticità.

Come mi era stato preannunciato, la cuffia non è adatta alla musica moderna di tipo elettronico. Infatti, si sentiranno quasi dei vuoti in alcune frequenze, oltre al driver decisamente affaticato da sintetizzatori troppo veloci e suoni pompati. Altre volte, ci saranno dei picchi esagerati nelle frequenze medio-basse, che paiono dei leggeri errori di tuning. Ma con il jazz, le performance acustiche, la musica sinfonica, il pop leggero e il rock classico, questi auricolari danno il meglio di sé. Ed è un livello superiore, a mio parere, anche a cuffie di livello più alto.

La firma sonora generale di questi auricolari è calda, ma non sbilanciata sui bassi. Le frequenze, anzi, sono molto bilanciate ma il suono è liquido e non affatica. Certamente non sono adatte per chi cerca il dettaglio, questi driver non producono un suono analitico. Ma è un suono musicale, piacevole, rilassante e certamente ricercato. Credo che più di così una cuffia di questo livello non si potrebbe spremere.

È difficile parlare dettagliatamente di ogni range di frequenza, soprattutto per questo livello. Farò solo una divisione nelle classiche tre macro-categorie di bassi, medi e alti e concluderò con qualche dettaglio.

I bassi sono una delle parti più gradevoli: suonano e risuonano come ci si aspetta da un ascolto di persona, in modo naturale e controllato. Non c’è uno sfondo scuro, al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare: la scena, anzi, è piuttosto pulita. L’effetto che ne viene è di un suono caldo ma una dinamica bilanciata. Anche i medi sono convincenti, con una riproduzione delle voci maschili godibile e chiara. La separazione strumentale è abbastanza buona, anche se talvolta quando si accavallano molte parti c’è un leggero impasto della scena. Gli alti non sono spinti, ma controllati. Le voci femminili suonano in modo pulito e, a chi è sensibile a queste frequenze, posso assicurare che sono molto poco affaticanti. Tutto il contrario delle QT2, ad esempio, recensite qui.

C’è un buon palcoscenico, esteso in ampiezza, e un’immagine virtuale della scena davvero credibile. Ripeto, il prezzo non dà la giusta idea della qualità sonora del prodotto. Consiglio comunque l’acquisto solo nelle circostanze in cui non ci sia bisogno di riprodurre musica elettronica o generi troppo pestati.

P1010766.JPG

 

Confronti

Ci sono confronti più o meno sensati da fare riguardo a queste cuffie. Sensato sarebbe paragonarle ad altri “earbuds”, dunque le metterei a confronto con le Xiaomi Half Ear con driver in ceramica e con le 1MORE Piston EO320.

Qian39 vs Xiaomi Half Ear: riassumo in pochi termini l’esperienza di entrambe. Le Qian39 sono tutta sostanza, le Half Ear sono “molto potenziale ma poco sfruttato”. Cosa intendo: le Qian39 sono più settoriali, ovvero riproducono ad alto livello determinati generi e faticano con altri. Le Xiaomi, al contrario, non convincono pienamente in nessun versante, ma è chiaramente udibile un dettaglio superiore in determinati contesti, che se fosse sfruttato meglio con un’equalizzazione attenta darebbe una marcia in più all’esperienza sonora del prodotto. Tra le due scelgo le Qian39, con tutte le pecche estetiche e acustiche del caso.

Qian39 vs 1MORE Piston: chi mi legge sa che ho un debole per 1MORE. Oltre al fatto che le EO320 costano tre volte tanto rispetto alle QIanYun e lo scontro non è propriamente ad armi pari. Ma provo ad essere obiettivo: in ogni settore al di fuori del suono le 1MORE vincono (sono costruite meglio, hanno una migliore dotazione, sono più belle). Ma per quanto riguarda il suono, bisogna dire che il palcoscenico delle Qian39 è davvero di livello e forse supera in ampiezza quello delle Piston, nonostante queste ultime siano decisamente più aperte sul retro. Il dettaglio è però superiore nelle Piston. E il consiglio è: per il prezzo, prendete le Qian39. Per una maggiore versatilità e un’estetica appagante, oltre a diversi accessori utili, prendete le Piston. Tra le due cosa scelgo io? Non è così facile. Le 1MORE sono sempre state con me da quando le ho prese e mi hanno dato molta soddisfazione, ma in determinate circostanze – penso all’ascolto di musica jazz – le Qian39 suonano in modo più appagante, più pieno e dinamico.

P1010682.JPG

 

Conclusioni

Consiglio l’acquisto delle QianYun Qian39? Sì, nel modo più assoluto. Secondo la mia esperienza sono un paio di auricolari fantastici per la cifra a cui sono offerti. Attualmente, non sono venduti in Italia col microfono, ma mi è stato comunicato che in qualche mese dovrebbe arrivare anche quella versione. Seguendo anche la scena mondiale degli auricolari e le preferenze degli utilizzatori, ho scoperto come siano tra le più apprezzate cuffiette economiche tra gli appassionati. Non fatico a crederlo, anche a me è già capitato di consigliarle. Penso che in termini di rapporto qualità-prezzo siano il miglior paio di cuffie che abbia mai provato.

Lascio i link per l’acquisto ad Amazon qui sotto. Seguendomi su Facebook (qui), posto occasionalmente delle offerte quando l’azienda sconta questo articolo.

Recensione Meze 12 Classics

Tra le aziende europee più gettonate in ambito audiofilo, negli ultimi anni, si è fatta spazio Meze. L’omonimo fondatore, Antonio Meze, è al lavoro dal 2009 per portare avanti – prima ancora che vari modelli di cuffie – un’idea: quella di fornire prodotti di grande qualità, che allo stesso tempo siano oggetti ai quali affezionarsi. “Come la sua Stratocaster”, semicit.

Chi conosce un po’ la scena (ma ormai la loro fama ha raggiunto anche il grande pubblico) conoscerà le 99 Classics, un paio di cuffie sovrauricolari in legno di noce, che negli ultimi anni ha vinto pressoché ogni premio possibile.

Oggi non porto la recensione delle 99, bensì di un paio di intrauricolari che con queste condividono il cognome, Classics. Questo appellativo si riferisce al materiale del guscio, anche qui in legno di noce.

 

Ringrazio Doina, marketing manager di Meze Audio, per avermi fornito questo campione in cambio di un’onesta e disinteressata opinione. Non siamo infatti affiliati, né ho avuto alcuna pressione nel giudizio di questo prodotto.

Potete trovare la mia recensione anche in lingua inglese (qui).

 

Le specifiche tecniche delle 12 Classics, riadattate dal sito ufficiale mezeaudio.com:

  • Risposta in frequenza: 16Hz - 24KHz

  • Impedenza: 16Ohm

  • Sensibilità: 101dB (+/- 3db)

  • Distorsione armonica totale: < 0.5%

  • Attenuazione del disturbo: up to 26dB

  • Driver rivestito in titanio da 8mm, di mylar (polietilene tereftalato)

  • Bobina di filo in alluminio placcata in rame

  • Attacco jack da 3.5mm placcato in oro

  • Cavo 7N (purezza dell’argento) OFC (senza ossigeno), lunghezza: 1.2m

 

meze in ear frequency response.png

 

Unboxing e prime impressioni

Già dalla scatola si può notare la mentalità navigata di Antonio Meze in qualità di designer: la confezione è veramente curata nel dettaglio, ma mantiene il chiaro aspetto funzionale di poter essere facilmente esposta nei negozi. Ogni facciata della confezione ci fornisce utili informazioni sul prodotto, senza essere troppo ridondante. Le foto allegate sapranno fornire un’idea più chiara di quello che sto dicendo. Informazione molto utile, indice di trasparenza da parte dell’azienda, è il grafico della risposta in frequenza – che si mostra nonostante le imperfezioni nelle frequenze più alte.

meze box.jpg

Una costante di questo prodotto e la sua disposizione nella scatola è la presenza del logo di Meze: lo si trova in due adesivi, sopra a una clip da applicare al cavo, sulla custodia per trasportare le cuffie, e la stessa disposizione delle cuffie nella confezione riprende la caratteristica forma di lira celtica.

Vengono forniti diversi gommini per adattare al meglio questi auricolari ai nostri padiglioni: i classici in silicone di tre formati diversi, un paio a doppia flangia e soprattutto un paio di tips in memory foam di Comply: vi basti sapere che questi ultimi sono gli stessi che ho trovato nella confezione di cuffie con un costo 30 (trenta) volte superiore a queste. Sono tra i migliori tips aftermarket in circolazione, e trovarne un paio qua è un ottimo segno.

Segnalo anche un “foglietto illustrativo” al cui interno sono indicate delle utili informazioni per salvaguardare il nostro udito: sembra una sciocchezza ma in realtà i consigli sono immediati e, per quanto poco, avvicinano l’utente al marchio grazie a questo gesto di attenzione.

meze tips.jpg

 

Ottima, dunque, la dotazione di accessori. Ma quello che stupisce in modo particolare è il prodotto in sé: legno e metallo si fondono in una cuffia elegante ma discreta, con un cavo non removibile dall’ottima qualità e resistenza. L’unica cosa che gli si può contestare è il fatto che la finitura leggermente gommata non aiuti ad evitare i classici nodi – che sono, però, molto semplici da sbrogliare.

Indossando queste 12 Classics per la prima volta, ho avuto subito la conferma di un mio iniziale timore: come la maggior parte delle In-Ear di questo tipo, sono state espulse dalle mie orecchie in un attimo. Non c’è alcun appiglio, né interno né esterno all’orecchio, per cui senza un naturale avvolgimento da parte del padiglione manca un aiuto nel permettere il sostegno. Questo è successo con i gommini in silicone. I Comply in memory, invece, sono molto migliori perché assumono la forma che trovano quando si espandono, isolando meglio e mantenendo un appiglio più stabile. Anche qui, l’unica controindicazione è che il suono può essere attutito leggermente di più rispetto agli altri adattatori.

L’azienda consiglia di far suonare a medio volume le cuffie per un discreto numero di ore, prima che raggiungano il loro suono ottimale. Effettivamente posso confermare che è vero, soprattutto in termini di resa scenica, ma non vi aspettate che il legno vi dia una naturalezza superiore quando prende forma con le vibrazioni, come succede con uno strumento musicale. Qui il legno è ornamentale, e sentire una differenza rispetto alle versioni in metallo sarebbe veramente improbabile. Il rodaggio è utile in termini di ampiezza sonora e immagine.

 

meze box 1.jpg

Suono

Parliamo dell’aspetto chiave di questi auricolari. Intanto, ragionando sul nome, “auricolari” è un termine che in italiano viene dato alle cuffiette col microfono: qui effettivamente un microfono c’è, ma il target è certamente più verso un ascolto musicale che verso un uso telefonico. Lo dico perché il microfono in sé non è di qualità eccelsa, l’ho trovato un po’ ovattato; il volume è alto, e per telefonate o videochiamate più sporadiche fa certamente il suo dovere.

Per ascoltare i brani e testare queste Meze, ho utilizzato un lettore audio di FiiO, M7. Gli altri usi – MacBook Pro con interfaccia audio Focusrite 2i2, Xiaomi Mi MIX 2 con adattatore di serie, Dodocool DA106 – mi hanno lasciato più o meno le stesse impressioni. Reputo importante sottolineare come il MacBook Pro di metà 2012 tramite la sua uscita jack dedicata (senza passare per una scheda audio esterna) abbia dato il maggior disturbo in cuffia: la componentistica in movimento, ovvero ventole e hard disk, disturbava il segnale elettrico in uscita. Non è la prima cuffia che reagisce in questo modo, ma non è un problema che si presenta con tutte. D’altro canto, essendo una cuffia studiata in un certo modo, è sempre meglio alimentarla con un hardware dedicato, come può essere un DAC dedicato o una scheda audio esterna.

meze mic.jpg

 

La prima cosa che ho notato in questi auricolari è stata la qualità delle frequenze basse. Non sempre di facile gestione, spesso usate come “trucchetto” per spacciare un suono mediocre come uno di qualità, sono qui invece molto curate: incisive e veloci, avvolgenti e dettagliate. Leggermente coprenti, forse, ma imputerei questa colpa più a un deficit degli alti. C’è un discreto livello di sub-bass, ma mi sento di dire che sono i bassi di mezzo ad essere il vero punto di forza di tutta l’esperienza d’ascolto. Non mi aspettavo questo tipo di suono, quanto piuttosto qualcosa di più morbido e adatto ad un ascolto di musica classica (forse imbrogliato dal nome). Ebbene, in realtà è ottimo anche quello: la risposta ai transienti è sicuramente stata studiata in modo approfondito, e il tuning permette di adattare l’ascolto a diversi generi anche molto lontani tra loro, senza mai avere l’impressione di una vera e propria difficoltà.

I medi sono leggermente incassati, ma all’ascolto piacevoli e ben gestiti. Le voci maschili che suonano in queste frequenze sono calde e controllate, e anche le parti strumentali dei medi, come quelle dei bassi, sono discretamente gestite in quanto a separazione e chiarezza.

Meno convincenti, a mio parere, le frequenze più alte, che hanno un volume più basso a parità di condizioni; le voci femminili sono più difficili da controllare, talvolta sfociando in un leggero riverbero di troppo. Considerando che stiamo parlando di un singolo driver dinamico a gestire tutta la scala di frequenze – che, ricordo, essere particolarmente ampia (16-24000 Hz) il lavoro svolto è davvero eccellente, soprattutto per la fascia di prezzo. Non bisogna aspettarsi una firma sonora di riferimento, quanto piuttosto un tuning di più facile ascolto, più morbido e scuro, che sa essere divertente. Tendenzialmente è una cuffia che apprezzeranno gli amanti dei bassi, seppur non esagerando nella riproduzione degli stessi.

dodocool meze.jpg

 

Breve confronto

Un paio di auricolari che ho davvero apprezzato su una fascia di prezzo leggermente più bassa rispetto a queste Meze sono le RevoNext QT2. Sono dei monitor In-Ear dall’elevato rapporto qualità-prezzo, e li cito per un motivo preciso: sono una buona alternativa a queste 12 Classics, ma dalla resa sonora molto diversa. Le 12 Classics sono più volte ad un ascolto musicale, leggermente colorato in modo da avere un suono più caldo e spinto sulle basse frequenze. Al contrario, le QT2 sono molto analitiche e hanno una firma sonora di riferimento, ma affaticano di più ad un ascolto di tipo musicale. Oltretutto le RevoNext hanno una forma spigolosa che tende a dare fastidio anche dopo brevi sessioni di ascolto. Insomma, a seconda delle necessità l’uno o l’altro modello valgono sicuramente il prezzo richiesto, e la decisione va soppesata alle necessità e al gusto personale.

 

Meze 12 classics.jpg

Conclusioni

Se dovessi consigliare queste 12 Classics a qualcuno, lo farei per due motivi: la cura estetica e del dettaglio e la resa sonora. Non sono certamente per tutti (immagino che molti possano lamentare questo caratteristico timbro dei bassi, che non sempre è naturale ma certamente dà un senso di calore e avvolgimento all’ascoltatore). Io penso che la stragrande maggioranza delle persone apprezzerà, in ogni caso, questa firma sonora, adatta alla maggior parte dei generi attuali ma che gestisce bene anche quelli più classici. Inoltre, c’è un’ampia scelta di colori e materiali (tra legno e metallo, tra la serie 11 e la 12 che non differiscono in modo consistente l’una dall’altra, le Neo e le Classics, ecc..). Io non sono un amante dei bassi enfatizzati, ma posso assicurare che in questo caso non si tratta di “barare”, quanto di aver posto una particolare attenzione nel far suonare bene quelle frequenze, notoriamente difficili da gestire soprattutto nella velocità, e aver voluto in qualche modo sottolineare il lavoro fatto. Ne deriva dunque un suono incisivo, veloce, caldo, divertente. Per il prezzo (considerando i costosi tips di Comply inclusi) sono un affare.

 

Lascio il link ad Amazon per l’acquisto.

Recensione FiiO M7

Nel momento in cui ho dovuto scegliere il mio ultimo smartphone, ho dovuto fare una scelta. Da aspirante audiofilo e possessore di una sempre crescente quantità di cuffie a jack, per l’ascolto di musica ho essenzialmente bisogno dell’entrata jack, per l’appunto, e di una memoria sufficiente – leggasi: espansione via scheda SD. Ma l’equilibrio tra i miei bisogni e il mio budget ha fatto sì che, alla fine, mi capitasse tra le mani un telefono senza jack e senza memoria espandibile. Grandioso.

In realtà questa è stata una scelta oculata, frutto dell’intenzione di trasferire tutto il mio ascolto in un altro supporto: un lettore dedicato, visto che – anche se ai più è ignoto – ve n’è un mercato florido.

Una delle fasce di prezzo più interessanti per questo tipo di prodotti è quella appena sotto ai 200€: ho adocchiato diversi modelli (Cayin N3, Shanling M2S, …) tra cui questo interessantissimo FiiO M7, che ho fortunatamente avuto l’occasione di testare.

FiiO M7 front.jpg

Voglio ricordare che ogni parola che spendo va pesata in relazione al contesto di questo portale, che tratta di prodotti a portata dei più e soprattutto che hanno un alto rapporto qualità-prezzo.

Uno dei fattori che accomuna questo DAP (Digital Audio Player) agli altri due sopra citati è l’adozione della USB di tipo C: chi mi conosce sa che sono un grande sostenitore di questo standard, che ha finalmente dato un’universalità concreta ai connettori. È stata proprio l’assenza di questa porta nella quasi totalità dei restanti modelli FiiO attuali che mi aveva fatto desistere dal testarli; ma c’è da dire che, nel caso specifico di questa azienda, la Micro USB aveva più senso che per altri produttori, in quanto adattata e adottata anche in accessori e dock station per permettere all’audio di passare, un po’ com’era coi vecchi iPod. Passare alla Type-C è stata un’esigenza di mercato più che un passo voluto, ma che io non posso che apprezzare.

Confezione e Hardware

A proposito di connettori, il cavo USB C per scambio dati e ricarica è fornito in confezione, così come una comoda cover in silicone – utile, perché di per sé l’alluminio del corpo di questo lettore è abbastanza scivoloso.

FiiO M7 Unboxing.jpeg

La costruzione, in ogni caso, è ottima, così come il collocamento dei pulsanti e delle porte. Una cosa che inizialmente non ho apprezzato è stata la presenza del jack (che è anche line-out) nella parte opposta rispetto alla USB. Ho compreso poi essere una questione di ingegnerizzazione mirata a sopprimere quanto più disturbo elettrico possibile dall’ascolto.

FiiO M7 bottom.jpg
FiiO M7 right.jpg

La parte destra ospita l’alloggiamento per la scheda SD, mentre la parte sinistra accoglie la ruota per regolare il volume e tre pulsanti per avanzare o arretrare con il brano e fermare/riprendere la riproduzione.

FiiO M7 left.jpg

Sempre parlando di hardware, il display è una buona unità LCD, che però soffre non poco le situazioni molto luminose: anche al chiuso mi sono ritrovato a tenere il livello di retroilluminazione sempre al massimo. Non ne risente particolarmente la batteria: è un’unità da 1880 mAh, che regge senza difficoltà anche una ventina di ore di ascolto. Veramente notevole: anche se questo risultato non è quello medio, il succo è che non bisogna ricaricarlo spesso, ma addirittura ci si può scordare di quando lo si è caricato l’ultima volta.

Sotto un comparto più tecnico, la baracca è portata avanti da un Exynos 7270 di Samsung che si è dimostrato sempre efficiente ed affidabile, sebbene le memorie facessero un po’ di collo di bottiglia: la RAM da meno di un GB (768 MB) è forse il più grande compromesso da accettare. Un esempio concreto: ci sono solo due applicazioni da aprire in questo lettore, oltre alle impostazioni, e non c’è la possibilità di installarne altre. Una è l’app Musica e l’altra la Radio FM. Ebbene, non è quasi possibile una triangolazione tra le tre senza che una venga chiusa in background. Può dipendere da quando è piena la scheda SD rendendo difficoltoso il processo di lettura? Può darsi. Bisogna solo sapere che c’è questo compromesso da accettare.

FiiO M7 Radio FM.jpg

Faccio due appunti veloci: la memoria di archiviazione è di soli 2 GB usufruibili (4 totali), il che rende obbligatorio l’uso di una SD. E la Radio FM funziona davvero bene (chip SI4705 di Silicon Labs), sfruttando come antenna la stessa cuffia collegata. Questo significa che la radio non si potrà ascoltare via Bluetooth.

La gestione dell’audio è affidata al DAC ESS Sabre ES9018Q2C.

Software

Parlando di software, a bordo c’è una versione non specificata di Android, talmente blindata da non permettere l’installazione di applicazioni di terze parti, né via sideload, né tantomeno dal Play Store, visto che i servizi Google non sono abilitati e non è nemmeno presente un modulo WiFi. Qualche considerazione a proposito: l’hardware di questo lettore è talmente limitato che non reggerebbe un carico superiore a quello per cui è stato studiato. Altri DAP della stessa FiiO montano una versione completa di Android con tanto di applicazioni per lo streaming musicale e servizi Google, per cui se è una cosa importante per voi, optate per uno di quelli. Detto questo, l’interfaccia di questo M7 è personalizzata con una gradevole interfaccia colorata ma non “giocattolosa”. L’applicazione della Musica è la stessa che FiiO mette a disposizione in Beta per tutti i device Android: ha un tema chiaro e uno scuro tra cui scegliere, così come diverse impostazioni per la riproduzione e l’equalizzatore (che può essere richiamato solo dalla schermata “Now Playing”), ma la sincronizzazione dei brani non è automatica. Questo significa che se caricherete della nuova musica nella SD o direttamente nella memoria interna, questa non verrà scansionata finché non glielo chiederete.

FiiO M7 song scan.jpg

Una stranezza che ho notato è che alcuni album/artisti non appaiono nella lista dedicata, ma vengono invece perfettamente riconosciuti nella sezione “cartelle” navigando a mano nella directory in cui sono inseriti. Non è un grande problema, e l’azienda è comunque molto attenta ai bug fix, dato che durante il mio utilizzo è uscito un aggiornamento che ho installato facilmente a mano – tutte le istruzioni sono presenti all’interno del manuale richiamabile da una sezione nel menù principale.

Ho ascoltato per lo più file FLAC in qualità CD, ma questo DAP digerisce bene anche i DSD. Inoltre, pilota anche cuffie ad impedenza medio-alta, sebbene con una pressione modesta.

È importante sapere che la connessione con il PC avviene tramite standard MTP: significa che con Windows non ci sarà alcun problema, essendo uno standard Microsoft, ma con Mac OS avrete bisogno di usare Android File Transfer (chi lo conosce sa che è un programma pessimo e non aggiornato), come consigliato da FiiO stessa. Il mio consiglio è un altro: usate Commander One, un’app per Mac a pagamento ma che semplifica di molto la comunicazione tra Mac e Android.

FiiO M7 Now Playing.jpg

Suono

Parliamo dunque del succo della mia esperienza, ovvero il suono. Con un piccolo preambolo: bisogna sapere che il mercato audiofilo è talmente vasto e variegato da rendere difficoltoso prendere le misure basandosi sul prezzo. A un certo punto la proporzione smette di essere favorevole, e spendere non risulta più garanzia di miglioramento qualitativo. Questo vale sia per le cuffie, sia per i lettori. Questo significa che può essere sufficiente un DAP di questo livello per godersi anche cuffie dal valore ampiamente superiore ad esso. Le cuffie a cui ho accoppiato M7 non superano il suo valore di mercato, ma questa è solo una coincidenza.

Inizio col dire, in modo generale, che questo lettore non colora il suono ma mette in risalto le peculiarità delle cuffie a cui lo si accoppia. Ho avuto esperienze positive con tutti i modelli, meno che con le RevoNext QT2 Triple Driver. Sono degli ottimi IEM, che ho apprezzato in tante occasioni, dal suono dettagliato e incisivo, che non ho trovato gradevoli con questo FiiO: anche in pezzi caldi e distesi, l’impressione era quella di un suono teso e troppo enfatizzato nei suoi dettagli. Questo perché, probabilmente, la firma di questi auricolari è volutamente studiata per fornire un feedback preciso durante i live, per cui questa caratteristica si riflette anche nell’ascolto di musica. Usandoli con altre sorgenti, questi IEM si sono adattati meglio ad un ascolto musicale grazie a una leggera equalizzazione; purtroppo un punto che non mi sento granché di promuovere in questo M7 di FiiO è proprio l’equalizzatore: il suo effetto è talmente leggero nei diversi preset che talvolta viene da chiedersi se effettivamente siano stati differenziati l’uno con l’altro. Anche perché se ci si agisce manualmente l’effetto è sicuramente più consistente.

FiiO M7 & 1More MK801.jpeg

Gradevolissima, invece, l’esperienza con le 1More MK801, che sono delle On-Ear/Over-Ear (dipende un po’ dal vostro orecchio) sotto i 100€ davvero equilibrate e piacevoli nell’ascolto. È proprio “equilibrato” il termine con cui definirei questa accoppiata, perché il suono prodotto è malleabile a seconda delle necessità: che debba essere incisivo, disteso, preciso, in ogni situazione la riproduzione è stata fedele. Anche i bassi, all’occorrenza, si sono fatti sentire moderatamente. È l’ampiezza del palcoscenico a stupire, probabilmente per una semplice questione di dimensione dei driver, ma tant’è: questa è l’accoppiata vincente. E presumo che con le MK802 (il modello successivo, che ha anche il Bluetooth), la versatilità sia ancora superiore, avendo questo DAP anche il supporto alla connettività wireless.

FiiO M7 & Sennheiser Momentum HD.jpeg

Altra accoppiata positiva con una On-Ear è stata con le Sennheiser Momentum HD, un modello che notoriamente suona un po’ sbilanciato nelle basse frequenze e qui non si smentisce. Non è sgradevole, anzi, l’effetto è quello di un suono caldo, ma sufficientemente dettagliato. Il background è piacevole grazie alla profondità fornita da questa cuffia. Siamo sulla fascia dei 200€: questo è già un prezzo che ci dà una discreta sicurezza di “non sbagliare”; per esperienza, cadiamo effettivamente in piedi in qualsivoglia situazione, anche perché la risposta all’equalizzazione di queste Momentum è eccezionale: basta mettere mano alle frequenze basse con un equalizzatore, tirandole un po’ giù, e il suono diventa davvero fedele.

Per citare un’altra accoppiata onesta, ho un paio di cuffie Dodocool per lo sport, di quelle classiche cuffiette con quanta più gomma possibile per resistere al sudore e agli urti ma con una rassicurante certificazione Hi-Res (di cui ho certamente qualche scetticismo in modo assoluto, ma che qui, effettivamente, significa qualcosa): sono stato soddisfatto anche da queste, che sono senz’altro un modello senza pretese che in realtà suona meglio di quanto ci si aspetti. Anche qui, il basso è un po’ troppo presente, ma sono di fascia molto molto bassa (25 € massimo) e sanno il fatto loro.

FiiO M7 & Xiaomi Hybrid Dual.jpg

Un consiglio: se cercate un DAP casual e avete cuffie da battaglia da utilizzare, con questo M7 le cuffie Xiaomi suonano generalmente bene. La firma di 1More (tutte le varie Hybrid/Piston/ecc. sono prodotte da loro) è davvero ben compatibile con questo player: ho provato le sopra citate MK801, ma anche diversi modelli In-Ear, come le Hybrid Dual, le 1More Piston, le Dual Driver in ceramica, e tutte si sposano a meraviglia con questo lettore. Raccomando di usare file almeno di qualità CD (FLAC standard) per avere un’esperienza gratificante, ma assicuro che anche degli MP3 di alta qualità vi daranno più soddisfazione di un ascolto “da smartphone”; e sicuramente un suono di livello molto superiore a qualsiasi servizio di streaming di massa – ho provato Deezer Premium, Spotify Premium e Amazon Prime Music: qualitativamente ho preferito Amazon, ma in confronto a M7 non c’è storia.

Un punto importante e positivo di cui ho accennato qualcosa prima: il disturbo è pressoché nullo. Non sentirete mai un sottofondo disturbato, nemmeno mentre il DAP riproduce la musica mentre è in carica. L’ingegnerizzazione è stata effettivamente efficace quanto dichiarato, e questo è senz’altro uno dei migliori aspetti di questo lettore, considerando anche la fascia di prezzo.

Bluetooth

L’ultimo punto in cui mi soffermo giusto un attimo è la riproduzione via Bluetooth. Non sono un amante dell’ascolto wireless e non ho problemi ad ammetterlo, ma qualche cuffia ce l’ho e ne riconosco la comodità in determinate situazioni. Non sono modelli di fascia alta, ma credo che possano interessare al target di questo DAP. Ho delle Bluedio T4S (che mi stanno molto simpatiche perché sono le cuffie più economiche a montare una USB C di ricarica), delle Inateck BH1001 e delle Techvilla Tune 2. Nemmeno a volerlo, sono anche in ordine di qualità. Le prime suonano in modo piacevole e hanno un isolamento acustico davvero interessante, sia attivo che passivo. Non ho trovato particolari differenze nel collegamento rispetto a quello con un normale smartphone, ma le vere differenze si dovrebbero sentire con cuffie abilitate ad AptX HD e quant’altro, che ancora non possiedo. Posso dire che, comunque, anche per la riproduzione wireless questo M7 fa il suo dovere in modo egregio. L’unica cosa è che, ovviamente, la batteria durerà decisamente di meno, ma nulla di grave, visto che regge senza problemi anche gli usi più intensi. Anche le Inateck sono molto piacevoli – hanno un tipo di suono studiato apposta per stupire, molto enfatizzato nei bassi e nei riverberi – per ascolti poco seriosi. Per ultime le Techvilla, classici auricolari senza alcuna pretesa che suonano esattamente come ci si aspetterebbe: senza strafare, con una buona riproduzione delle frequenze anche se abbastanza limitata nell’estensione, senza alcun suono fuori posto o di troppo - anzi. Non le consiglierei, ma se già le avete, fanno un lavoro sufficiente.

Venendo alle conclusioni, FiiO M7 è un DAP che consiglierei. Rispetto ai competitor ha qualche chicca in più (pannello touch, Radio FM) e la garanzia di un marchio che ha vinto, non a caso, diversi premi nel settore. Forse avrei pagato volentieri 20€ in più per avere il WiFi e un po’ di RAM in più, ma la line-up di questo produttore conta modelli per tutte le tasche e le pretese – cosa intendo: che probabilmente, se non ora, tra qualche tempo a 20€ in più potrebbe esserci esattamente il modello che sto ipotizzando.

Ultimo appunto: potrei sottolineare che vi è una sola uscita per l’audio e il line-out e nessuna uscita bilanciata; non credo, però, che sia un fattore di cui ci si possa più di tanto lamentare, perché è pur sempre un DAP di fascia medio-bassa, con degli ovvi compromessi da accettare.

Ne consiglierei l’acquisto? Sì, sia per bisogni audiofili non eccessivi, sia per chi desidera semplicemente un supporto diverso dallo smartphone in cui immagazzinare la propria libreria musicale.

Pro

  • USB C
  • Suono dettagliato e fedele
  • Software ben fatto
  • Durata della batteria
  • Radio FM

Contro

  • La USB C non permette l’utilizzo del player come DAC se non con strumenti FiiO compatibili
  • Poca memoria
  • Luminosità non al top

Lascio qui i link per gli acquisti di M7 e altri prodotti citati nell'articolo.

Recensione 1MORE Piston E0320

La mia storia con 1MORE è controversa: ho desiderato provare tanti tra i loro prodotti in questi anni, monitorato i prezzi e atteso degli sconti. Ma è successa una disgrazia che ha visto crollare le mie speranze: il brand è sparito dall’Europa senza dare spiegazioni, e i prezzi degli stock rimasti sono schizzati alle stelle. È un vero peccato, se pensiamo a quanto siano valide le proposte di questo marchio – a detta dei fortunati recensori. In ogni caso, recentemente mi sono procurato le famosissime Piston – non, però, In-Ear – e, conscio del mio legame “affettivo”, volendo così chiamarlo, con queste cuffie tanto desiderate in passato, ho tentato di fornire un giudizio imparziale. Non è stato alfine difficile come pensavo, perché alcuni (pochi) punti a sfavore mi hanno tenuto coi piedi per terra.

Inizio col dire che questi auricolari non sono solo uno strumento, ma anche un oggetto di pregio e dalla presentazione elegante, che solitamente si addice a prodotti di fasce di mercato superiori. La confezione in cartone rigido nero contiene un astuccio metallico colorato che a sua volta custodisce gli auricolari, adagiati in un calco gommato davvero di qualità – il peso ne è dimostrazione. Inoltre è fornito un ulteriore astuccio per il trasporto, oltre a diversi adattatori per le orecchie – di cui parlerò più avanti – e un’elegante clip marchiata 1MORE.

Se non fosse che mi sono documentato negli anni, sarei stato soddisfatto in toto anche dagli auricolari stessi. Il punto è che queste NON sono le stesse Piston che vendevano un tempo. Non è da fraintendersi come discorso: la costruzione del corpo in metallo è di pregio e il filo in nylon di mio gradimento (cosa che non ho trovato invece nelle Half-Ear di Xiaomi, recensite qui, che infatti avevo sottolineato). Il punto è che i comandi a filo, in plastica, non sono certamente gli stessi che avevano queste cuffiette un tempo, che erano invece in metallo. Il dispiacere è che questa non è la sola differenza con quelle Piston: anche la qualità audio, a detta di chi le ha provate entrambe, era superiore nel vecchio modello.

Approfitto allora di questo punto per parlare di indossabilità e suono, perché, ciononostante, mi hanno dato delle vere soddisfazioni. L’ascolto è molto diverso da un paio di In-Ear: il fatto che non ci sia nulla di fisicamente diretto contro il timpano – leggasi gommino – dà l’impressione di essere meno coinvolti, leggermente più distaccati dalla scena, ma permette di concentrarsi sul suono. Io ho usato, tra gli adattatori (che sottolineo essere facoltativi, in quanto si possono omettere), quelli a spugnetta, che mi hanno ricordato quelli degli auricolari dei vecchi Nokia. Questi hanno reso l’esperienza d’uso particolare: così queste cuffiette sembrano quasi delle On-Ear in miniatura, si ha l’impressione di non avere qualcosa dentro all’orecchio, ma di averci semplicemente appoggiato un oggetto morbido. In dotazione ci sono anche degli archetti in plastica morbida che non mi hanno convinto allo stesso modo (come invece mi hanno stupito quelli delle Dodocool Sport, che recensirò a breve: stay tuned!).

La resa sonora è ottima: le frequenze sono bilanciate di default (quasi limitate), ma l’hardware risponde in maniera impeccabile all’equalizzazione; un 20-20k Hz che sicuramente corrisponde alle attese. L’impedenza è di 32 Ω, rendendo facilmente pilotabili questi auricolari anche dallo smartphone – che, a dirla tutta, è la vera sorgente per cui sono studiati: i comandi a filo (volume su e giù e tasto multifunzione) sono pensati per Android e (sorpresa delle sorprese) pare anche per iOs e Mac Os. Con Android tutto bene; con Mac Os non dico che non funzionino del tutto, ma sicuramente non funzionano a dovere. Quanto prima proverò anche su un iPhone per avere la prova definitiva.

La parte migliore di questi auricolari – e ci mancherebbe – è la fedeltà. Non è assolutamente una cuffia “v-shaped”, ovvero pompata sui bassi e sugli alti, ma piuttosto uno strumento equilibrato e bilanciato (se utilizzato così come nasce) che non si fa però problemi ad essere spremuto sulle frequenze più caratterizzanti di un genere (equalizzando).

Una faccenda particolare riguarda il cosiddetto “sound leak”, la dispersione sonora: per quanto sia strano a dirsi, questi sono auricolari semiaperti. Questo significa che hanno una cavità che lascia entrare i rumori esterni e uscire parte del suono; cavità che, se verrà chiusa, comprimerà letteralmente il suono e farà percepire uno sgradevolissimo impasto concentrato sulle frequenze alte. D’altro canto, non è un buco studiato per essere tappato, per cui il problema non si pone.

Le mie conclusioni sono: comprate questi auricolari se volete una cuffia semi-In-Ear veramente di livello nella fascia dei 30€ che dà la polvere alla maggior parte della concorrenza, che sia nel contempo comoda anche dopo diverse ore di utilizzo e abbia un design accattivante e una cura nei dettagli (nell’assemblaggio e nella dotazione) estrema. L’unica pecca che ho riscontrato, ma è un’inezia, riguarda il jack dritto – esposto quindi a più danni potenziali. Sono comunque attualmente gli auricolari che uso come principali.